martedì 4 luglio 2017

Il dolore è una cosa con le piume - Max Porter


32324350

 

I Contenuti

Un uomo, studioso di Ted Hughes, è rimasto solo con i due figli, nella loro casa di Londra, dopo la morte della moglie. I tre devono fare i conti con un tempo che si è fermato, con un dolore ingombrante come una presenza. Fino alla visita inaspettata di uno strano personaggio che ha le piume e l’aspetto di un corvo. Un corvo dotato di un feroce senso dell’umorismo, un po’ baby-sitter, un po’ terapeuta, ma soprattutto amico. Un corvo che potrebbe aiutarli a venire a patti con la sofferenza e a dare un senso a un evento terribile. Sogno o realtà? Quello che è certo è che i ricordi feriscono, ma a poco a poco leniscono anche. E giorno dopo giorno il tempo ricomincia a scorrere.
Fiaba, romanzo, poesia, questo libro è una struggente storia sul dolore, sulla perdita, e sulla forza dell’immaginazione e delle parole che aiutano a vivere.

La Recensione

Il dolore è una cosa con le piume, titolo originale "Grief is the Thing with Feathers", è un romanzo del 2015 di narrativa dell'autore esordiente Max Porter, che è stato nominato dal Guardian First Book Award, dal Dylan Thomas Prize, dal Sunday Times/Peters Fraser e altri. il racconto è un po' fiaba, romanzo, poesia e tratta una struggente storia sul dolore, analizzando la perdita di una persona cara e come la forza dell'immaginazione e delle parole aiutano a vivere.

La trama è quella di un uomo, studioso di Ted Hughes, che è rimasto solo con i due figli, nella loro casa di Londra, dopo la morte della moglie. I tre devono fare i conti con un dolore ingombrante come una presenza. Fino alla visita inaspettata di uno strano personaggio che ha le piume e l'aspetto di un corvo. Sostanzialmente è una favola sull'elaborazione del lutto: la loro disperazione prende corpo in un grande corvo che vivrà a casa loro per il tempo necessario fino a che la loro disperazione lacerante e immobilizzante si trasformi in dolore sopportabile.

Tutta la narrazione è in prosa poetica ripartita per punti di vista: quelli del padre, dei bambini e del corvo; più che bello il libro mi sembra furbo, perchè va a toccare i nostri lutti famigliari, solleticando le nostre corde del dolore e in più riesce in poche pagine anche a ritagliare squarci sul futuro di questo nucleo, parlando anche a noi di un futuro possibile senza le persone da noi amate e scomparse.

Sinceramente ho letto di meglio, ma devo anche dire che la lettura non mi ha portato via molto tempo; l'idea del corvo, che è la parte "favoleggiante" e focale del racconto è brillante ma secondo me sviluppata in maniera pessima e la scrittura più che aiutare a entrare i sintonia con i personaggi, mi ha allontanato. Le uniche parti interessanti, coinvolgenti e ben scritte del libro sono quelle dei bambini. Secondo me l'autore qui ha centrato in maniera eccellente i sentimenti e l'elaborazione del lutto dal punto di vista infantile.

In ogni caso, una lettura superflua.


Voto: 1/5

    Nessun commento:

    Posta un commento