mercoledì 7 gennaio 2015

Ultime lettere da Stalingrado - Franz Schneider



 

I Contenuti

Queste lettere furono scritte da soldati tedeschi assediati nella sacca di Stalingrado nel dicembre 1942 e partirono con l'ultimo l'aereo per la Germania.Non arrivarono mai alle famiglie: Hitler le fece sequestrare dalla censura militare per un sondaggio sul morale delle truppe. Furono ritrovate dopo la fine della guerra negli archivi dell'esercito, e ne è stato tratto questo libro: l'emozione che esso ha suscitato al suo apparire è tuttora viva, e non solo in Germania, ma nell'intera Europa. E' un libro unico, in cui l'interesse storico-politico è largamente superato dal valore di testimonianza umana: parlano uomini votati alla morte, che prendono drammaticamente coscienza di se stessi, e tracciano con una laconica eloquenza, come di epigrafi definitive, un'immagine delle proprie vite e dei propri destini.Non si può aggiungere un'altra lettera a queste trentanove: esse, che sembrano contenere e rivelare ogni esperienza umana, costituiscono una perfetta unità morale.


La Recensione

"Ultime lettere di Stalingrado" è una raccolta di 39 lettere scritte dai soldati tedeschi nell'ultimo periodo della battaglia di Stalingrado nel dicembre 1942, partite con l'ultimo volo dalla sacca dove combattevano gli ultimi uomini della sesta armata tedesca prima di venire completamente accerchiati dalle forze russe in avanzata. Gli scritti non giungeranno mai a destinazione perché censurate dai comandi tedeschi con l'intento di conoscere lo stato d'animo della fortezza di Stalingrado; la raccolta di tali scritti doveva offrire materiale al fine di una pubblicazione sulla battaglia ma l'ufficio della propaganda, ne vietò la divulgazione in quanto "insopportabile per il popolo tedesco" e ne ordinò la distruzione.

La battaglia di Stalingrado con oltre 1 milione di perdite totali tra morti, dispersi e prigionieri definisce i duri combattimenti svoltisi durante la seconda guerra mondiale che, tra l'estate del 1942 ed il 2 febbraio 1943, opposero i soldati dell'Armata Rossa alle forze tedesche, italiane, rumene ed ungheresi per il controllo della regione strategica tra il Don e il Volga e dell'importante centro politico ed economico di Stalingrado (oggi Volgograd), sul fronte orientale.

I viveri ed i rifornimenti sono sempre più scarsi, i feriti non possono essere più curati ne evacuati, cominciano i primi tentativi di diserzione ed i primi casi di suicidio. In quello che i soldati tedeschi chiamano "il calderone" c'è chi riesce ancora a scrivere a casa cercando un conforto od anche semplicemente un addio ai propri cari in Germania. Il libro contiene 39 lettere, o frammenti di lettere, che i soldati scrissero nei momenti di pausa della battaglia. Sono scritti in cui tra le righe si riesce a leggere non solo la diversità degli uomini ma anche del loro stato d'animo e del loro carattere: si va dal figlio dell'ufficiale di stato maggiore che non capisce più il perché dell'azione militare al giovane padre di un bambino appena nato con la paura di non vederlo mai; dal figlio di un Pastore protestante che non trova Dio nell'orrore che lo circonda al soldato che ha perso la speranza e che aspetta la morte con consapevole rassegnazione.

Non tutte le lettere sono complete o leggibili (alcune sono state ritrovate danneggiate) ma forniscono in ogni caso una forte ed autentica testimonianza di uno degli avvenimenti più tragici della storia moderna.

Fa un certo effetto leggere a distanza di più di sessant'anni parole scritte da giovani uomini destinati consapevolmente alla morte che non fa differenze in base a colori delle divise, ideologie giuste o sbagliate, buoni o cattivi; lei falcia indistintamente e non sorprende più di tanto come i pensieri e le parole di quei votati al disastro siano verso i sentimenti più semplici come l'amore per una donna, per una mamma, per un gatto, di come ci si preoccupi di lasciare tutto in ordine e a posto e si pensi alle piccolezze della vita di tutti i giorni di fronte alla fine eterna.

Un altro commovente e prezioso tassello che si aggiunge alla mia parte di libreria dedicata agli orrori e alla stupidità della guerra, che per qualsiasi cosa si combatta è comunque una sconfitta già in partenza.
 



Voto: 3/5

    Nessun commento:

    Posta un commento