mercoledì 28 gennaio 2015

Lo scheletro impossibile - James P. Hogan



 

I Contenuti

Una rossa tuta d'astronauta con dentro uno scheletro umano. Non sarebbe poi una scoperta così sensazionale, perché sulla Luna c'è una grossa base spaziale, con decine di scienziati che vanno, vengono, esplorano, frugano, e che possono avere incidenti. Ma questa volta non si segnala nessun incidente, nessun uomo è mancante. E la tuta è di un materiale ignoto, contiene strumenti mai visti e un giornale di bordo scritto in un alfabeto indecifrabile. Un extraterrestre, allora? Attorno all'enigma di "Charlie" come viene battezzato lo scheletro, si scatena un'appassionante controversia internazionale dove tutti i rami della scienza, dalla paleontologia alla chimica, dalla crittografia alla fisica, sono coinvolti. Ogni teoria, ogni soluzione, appare plausibile e valida finché non viene drammaticamente smentita dalla successiva. Ma tutte concordano su un punto: lo scheletro di Charlie è un'assoluta impossibilità. Fantascienza pura, così Isaac Asimov ha definito questo romanzo in cui, una volta tanto, l'accento principale cade sui fatti, le idee, le possibilità e gli uomini della scienza d'oggi.


La Recensione

Lo scheletro impossibile è un romanzo di fantascienza di James Patrick Hogan, scritto nel 1977, ed è il primo di cinque episodi della serie chiamata "Ciclo dei giganti". Solo tre di questi sono stati pubblicati in Italia e tutti nella collana Urania edita da Mondadori e distribuita solo nelle edicole.

L'idea e la trama del libro sono davvero entusiasmanti: nel XXII secolo (ricordiamo che il libro è stato scritto negli anni settanta), una squadra di scienziati in missione sulla Luna scopre casualmente una tuta spaziale contenente uno scheletro umano risalente a 50000 anni fa. Analizzando i resti biologici e gli oggetti che il misterioso individuo aveva con sé, i protagonisti scoprono una serie di indizi che sconvolgeranno ogni teoria precedente sull'origine della razza umana.

A volte dei libri o delle storie più in generale, si apprezza moltissimo l'idea che li genera piuttosto che lo sviluppo o l'evolversi della stessa nel proseguo della lettura. Direi che è questo il caso, se lasciamo da parte certe teorie scientifiche ormai superate, le informazioni divulgate e inserite come dialoghi tra i vari personaggi talvolta un po' troppo pesanti, e una certa ingenuità di base... otteniamo una storia tutto sommato rilassante, piacevole e divertente.

Dopo un inizio alquanto misterioso e il continuo inserimento di elementi e dati all'apparenza del tutto scollegati tra loro, la vicenda prende corpo e, sfruttando teorie scientifiche quasi plausibili, il lettore è attirato sempre più all'interno della storia con la curiosità di andare a vedere come tutto verrà alla fine spiegato: ovviamente con un bel finale "a sorpresa", ben congegnato e servito al momento giusto.

Messo tutto insieme otteniamo una bella scenografia per un'avventura fantascientifica non da lode assoluta, ma sicuramente intrigante quanto basta.



Voto: 3/5

    Nessun commento:

    Posta un commento