domenica 27 novembre 2011

Toccare i libri. Una passeggiata romantica e sensuale tra le pagine - Jesús Marchamalo





I Contenuti

Se vi piace toccare i libri, e lo state facendo anche ora, sapete di cosa parliamo. Libri. Da leggere, da sfogliare, da desiderare e da possedere, da perdere, prestare e regalare. Libri da contare, da sistemare, da classificare. Amici per una vita o incontri di un solo giorno, ricordati per sempre o subito dimenticati; libri illeggibili, letti e riletti...
Nella passeggiata lungo queste pagine incontriamo tanti lettori illustri, curiosiamo nelle loro biblioteche e veniamo a sapere delle loro buone e cattive abitudini di lettura, talvolta così simili alle nostre. Quanti libri è possibile leggere in una vita? In che modo disporli? Come fare quando sono troppi? Ci piacciono di più tenuti come nuovi o un po' maltrattati? Bisogna davvero leggerli tutti, o certi sono fatti apposta per non esserlo? Jesús Marchamalo racconta gli intrecci e i personaggi della grande storia d'amore fra libri e lettori con la divertita partecipazione di un innamorato che la sa lunga, e argutamente ci ricorda che come tutte le passioni, anche questa dev’essere assaporata con un po' di sana ironia.



La Recensione

Libercolo che ti fa l'occhiolino davanti alle casse, a te lettore accanito, che ti piace passare il naso tra le pagine e sentire l'odore di carta e di stampa, a te che rinunci ai tuoi otto euro per l'amore incondizionato che i libri ti danno.
Perchè principalmente non puoi resistere a qualcosa che parli della tua passione preferita e anche se lo tieni in mano e ti rendi conto che è impossibile spendere otto euro per sessanta pagine scritte grandi grandi e con una spaziatura ai margini che sembra un'autostrada a quattro corsie, lo aggiungi trafelato sopra la pigna di libri che hai appena consegnato in cassa, e la persona che sta lì ti guarda con un sorriso complice e tu non sai se anche lei o lui è lettore indefesso e amante segreto delle pagine, e questa è una pazzia comune, o se pensa che un altro pollo ci è cascato con tutte le piume.
Personalmente mi sento molto pollo e in tutti questi otto euro ho trovato solo una frase che vale la pena citare e cioè che "quel che il lettore medio legge in tutta la sua vita, il mercato editoriale lo produce in meno di otto ore".
E noi continuiamo a perdere piume alle casse


Voto: 2/5

sabato 26 novembre 2011

L'occhio dello zar - Sam Eastland (Pekkala #1)





I Contenuti

Pekkala un tempo era conosciuto come l'Occhio di smeraldo: il più famoso detective di tutta la Russia, il braccio destro dello zar, l'uomo a cui l'ultimo dei Romanov aveva affidato la sicurezza della sua famiglia e di tutto il paese. Ora, dopo la Rivoluzione, è solo il prigioniero 4745-P nel campo di lavoro della Siberia, dove è riuscito a sopravvivere per nove anni, e per il resto del mondo è un uomo morto e sepolto. Ma una possibilità di salvezza si presenta quando è Stalin stesso a convocarlo per chiedere il suo aiuto per risolvere un mistero che dura dal 1918. Lo zar e la sua famiglia non sono stati fucilati dai rivoluzionari come afferma la propaganda del partito: qualcuno li ha liberati o eliminati all'insaputa dei bolscevichi. La missione di Pekkala è scoprire che cosa sia successo davvero ai Romanov e trovare il loro tesoro scomparso. Il suo premio è la libertà per sé e la donna che ama. Il prezzo del fallimento è la morte. Ambientato nella Russia brutale e paranoica del periodo stalinista, L'occhio dello zar è il primo romanzo della serie che seguirà le avventure di Pekkala fino allo scoppio della Seconda guerra mondiale.


La Recensione

L'unica parte decente e interessante di questo libro sono le note storiche alla fine del volume, probabilmente perchè ricalcano i passaggi dei libri biografici presi come fonte storica e citati nel libro stesso. Visto che non sono neanche una decina, ci si può rendere conto della ricerca storica che si è fatta per scrivere questa meraviglia, probabilmente ne ho letti più io.
I personaggi principali di questa storia sono delle macchiette completamente improbabili del contesto storico che si voleva presentare, forse si riesce a prendere per il naso qualche lettore affrettato con nessuna conoscenza del periodo pre e post rivoluzione d'ottobre, per gli altri sarà difficile farsi andare a genio un'accozzaglia di stupidate come questa.
A parte il contesto e l'ambientazione i personaggi sono veramente comici, più di tutti il protagonista principale, che dovrebbe essere un supereroe zarista, un investigatore che Colombo mettiti da parte... ci mette tutto il libro a risolvere un enigma che un lettore smaliziato e avvezzo ai libri gialli ci mette due pagine, la cosa più bella è che questo improbabile detective russo ha così i sensi fini che è l'ultimo a svegiarsi durante un agguato; ed è soppravissuto dieci anni in solitaria in Siberia, cazzo che dormite che si facevano i lupi quando questo era in giro.
I due poi che l'accompagnano, soprattutto il commissario del popolo di professione chef mancato, è qualcosa che fa rabbrividire dall'orrore della pateticità. Un insulto alle spalle di tutti gli Watson del mondo. Da notare che all'inizio del libro è un povero sprovveduto e alla fine si fa largo all'Ispettore Callaghan tra i cattivi.
La storia poi è suddivisa con un tempo presente e un tempo passato (dove viene raccontata la vita precedente del grande Holmes russo), spezzettata ogni capitolo, un capitolo al presente e uno al passato, così via per tutto il libro: non si può leggere, anche perchè i capitolo sono brevi, di poche pagine e l'irritazione del lettore continua a montare inesorabile.
Insomma, comperatevi pure una pizza.


Voto: 1/5

martedì 22 novembre 2011

Agent 6 - Tom Rob Smith (Leo Demidov #3)





I Contenuti

1965. Leo Demidov, ex agente della polizia segreta, è costretto dal granitico apparato sovietico a restare a Mosca mentre la moglie e le figlie partono per New York in missione diplomatica. Il viaggio finisce in tragedia e Leo chiede di indagare sul terrorista che ha attaccato la sua famiglia. La risposta è di nuovo e sempre una: NIET. Assetato di giustizia e di verità, Leo inizia allora la sua personale ricerca, da Mosca all’America degli anni Sessanta fino all'Afghanistan tormentato dall'invasione russa degli anni Ottanta, in un’odissea che svela i lati nascosti della storia, della politica e, in ultima istanza, della natura umana.


La Recensione

Terzo libro della serie con Leo Demidov protagonista, l'ormai famoso agente della polizia segreta Staliniana protagonista di "Bambino 44" prima e di "Il rapporto segreto", poi. Personaggio che si muove nella Russia Staliniana prima e che con questo romanzo arriverà a coprire un lasso temporale di vent'anni, portandoci direttamente agli anni ottanta.
Il folgorante esordio del primo libro (ancora adesso il più bello e quello che consiglierei caldamente di leggere, potete trovare la mia recensione qui su Gr) e il seguito un po' più appannato rispetto al primo (sempre recensito da me), portano a questo terzo libro, che esce dai soliti schemi narrativi, temporali e di ambientazione: se infatti i primi due libri si svolgevano nella Russia degli quaranta/cinquanta, in un arco temporale breve, qui ci troviamo con un arco temporale di vent'anni, e andremo a toccare non solo la Russia, ma anche gli Stati Uniti e l'Afghanistan.
Forse quello che è il difetto in questa terza opera dell'autore è proprio questo, infatti sembrano esserci due romanzi con due storie staccate all'interno dello stesso libro. Come ogni thriller, o romanzo spionistico che si voglia, storico o meno, dove il protagonista è un agente ci troveremo per forza con un "mistero" da risolvere, un'indagine da seguire, la cattura del cattivo: anche qui infatti partiamo dagli stessi presupposti, solo che a metà del libro, probabilmente per giustificare lo stacco temporale dal primo evento all'ultimo parte questa storia parallela (il protagonista esiliato volontario in Afghanistan) che sembra proprio una storia a se stante, con nuovi personaggi e nuova trama, e il lettore rimane un po' spiazzato perchè decisamente vuole tornare alla risoluzione del primo evento. E invece dovrà aspettare quasi il finale del romanzo.
Decisamente si potevano fare due libri e allungare la vita all'agente Demidov, strana soluzione questa per uno scrittore seriale che usa lo stesso personaggio per i suoi libri, solitamente si cerca di produrre più libri possibili se il personaggio piace.
Per il resto la trama, i personaggi, l'ambientazione è al livello degli altri libri, dunque ottima e anche questa storia ha come punto di forza di volere sempre avere in mano il libro per leggerne qualche pagina, anche se devo ammettere in alcuni punti s'impantana un poco e l'azione va scemando pericolosamente.
Consiglio questo libro a chi ha letto i primi due e si è affezzionato all'agente segreto Demidov, agli altri decisamente consiglio di recuperarsi "Bambino 44" e cominciare da lì.


Voto: 4/5


mercoledì 16 novembre 2011

Il processo - Franz Kafka





I Contenuti

Josef K. condannato a morte per una colpa inesistente è vittima del suo tempo. Sostiene interrogatori, cerca avvocati e testimoni soltanto per riuscire a giustificare il suo delitto di "esistere". Ma come sempre avviene nella prosa di Kafka, la concretezza incisiva delle situazioni produce, su personaggi assolutamente astratti, il dispiegarsi di una tragedia di portata cosmica. E allora tribunale è il mondo stesso, tutto quello che esiste al di fuori di Josef K. è processo: non resta che attendere l'esecuzione di una condanna da altri pronunciata.


La Recensione

Kafka, un maestro indiscusso della narrativa, o meglio della letteratura del novecento. Credo che non ci si possa annoverare tra le schiere dei lettori se non si è letto almeno un libro di questo autore così tormentato e nichilista.
La storia sembra irrevocabilmente un incubo, dove il protagonista si muove con ansia e disperazione crescente, verso una schiacciante verità: l’uomo è solo e in balia del destino, che lo troverà sempre per portarlo verso una tragedia di portata cosmica.
Libro che ha molte chiavi di lettura è claustrofobico, asfittico, angosciante: il protagonista e gli altri attori sono spersonalizzati, appena citati, foschi e criptici, dello stesso personaggio principale non conosciamo neanche il cognome, tutti elementi che confondono il lettore per non dare nessun punto di riferimento come l’attore stesso di questa tragedia, accusato e poi condannato per una colpa di cui non gli è dato conoscere il perchè, ma che non è nota neppure al "tribunale" stesso.
Sembra sempre di brancolare nel buio, l’aria è soffocante, calda e stantia, opprimente fino al finale dove sarà tersa e beffarda, come gli antagonisti che sembrano quasi diabolici che si passano il testimone velocemente per trascinare sempre più a fondo l’uomo verso il suo baratro personale e angosciante.
La colpa e il giudizio davanti al quale nessun uomo può sottrarsi: Kafka parte crea l’assurdo partendo da semplici elementi di vita comune; ancora una volta come nella “Metamorfosi”, vediamo la mostruosità che si cela nella quotidianità e nella così detta normalità
Leggere questo romanzo è un’esperienza unica e irripetibile che lascia storditi davanti all’ineluttabilità dell’uomo davanti al proprio destino e delle proprie colpe per infine morire come un cane!.


Voto: 5/5


sabato 12 novembre 2011

Cuore di tenebra - Joseph Conrad





I Contenuti

Scritto da Joseph Conrad nel 1902, questo è stato un romanzo di culto per più di una generazione. Ad esso, per esempio, s’è ispirato Coppola per girare «Apocalypse Now» con Marlon Brando. Ai tempi di Conrad la guerra in Vietnam non c’era, ma di uomini con «la tenebra nel cuore», sì. È il caso di Mr. Kurtz e della sua singolare follia, cui ci introduce la prefazione di Lanfranco Vaccari. Kurtz sarà raggiunto dopo un lungo viaggio per fiume nel centro dell’Africa da Marlowe, il marinaio protagonista.

La Recensione

Decisamente una delusione. Forse le aspettative erano un po' troppo alte, probabilmente sbagliate, forse la storia un po' troppo corta; generalmente non amo i romanzi brevi.
Valuto con due stelline perchè mi sono paciute le descrizioni della giungla e praticamente null'altro; non so mi aspettavo un libro di avventura e mi sono trovato con un trattato contro il colonialismo, ripeto, probabilmente aspettative sbagliate.
Mi avevano detto "l'Apocalipse Now dell'Africa", giusto riferimento al personaggio di Kurtz e alla sua trasposizione cinematografica MarlonBrandiana, giustissima osservazione perlatro solo che decisamente Brando è venuto molto, ma molto meglio. L'eccezione che conferma la regola di personaggi cinematografici migliori rispetto a quelli cartacei.
Non saprei davvero cos'altro aggiungere, probabilmente che essendo un classico, non può mancare in una libreria e alla lettura di un lettore completo, ma personalmente preferisco altro.


Voto: 2/5


giovedì 10 novembre 2011

Il tuo gatto per negati - Gina Spadafori, Paul D. Pion





I Contenuti

Decifrare l'espressione di un gatto è una vera sfida. Per vincerla, basta leggere questo libro aggiornatissimo che illustra come scegliere il micio ideale, comprenderne il comportamento, come crescerlo e.., rendere tutte le sue nove vite semplicemente perfette.


La Recensione

Il massimo dell'utilità, come tutti i libri della serie "for dummies", massima comprensione, tanti consigli utili, informazioni chiare e precise.

Se come me state per prendere un micio per fari compagnia, vi consiglio di partire da qui.


Voto: 3/5




martedì 8 novembre 2011

Il cacciatore di draghi - J.R.R. Tolkien





I Contenuti

Il libro narra la vicenda di un contadino abitudinario e un po' fanfarone, costretto dalle circostanze a dar la caccia a un drago, su cui riesce ad aver la meglio, diventando ricco e rispettato tanto da essere eletto re. La fonte sarebbe un'antica cronaca in latino contenente il resoconto delle origini del Piccolo Regno, dove il racconto è ambientato. Ma si tratta soltanto di un espediente. Tolkien vi ricorre non già per dare credibilità storica al suo narrare, ma per creare un mondo metastorico, senza precise coordinate spazio-temporali, un'atmosfera da fiaba, un universo immaginario popolato di draghi e di giganti in cui però è possibile ritrovare qualcosa che si incontra nella realtà di tutti i giorni.

 

La Recensione

Racconto di poche pagine ma intriso della genialità di Tolkien, il maestro del fantasy.
Quello che più mi è piaciuto è il suo tocco di umorismo velato, come anche in "Lo Hobbit", sempre presente, mai di troppo.
Come trasfmormare anche una piccola storia fiabesca, in un piccolo tesoro da custodire in una grotta custodita da un drago feroce.
Consigliato agli appassionati Tolkeniani.


Voto: 4/5

domenica 6 novembre 2011

L'alchimista - Paulo Coelho





I Contenuti

L’Alchimista è la storia di una iniziazione. Ne è protagonista Santiago, un giovane pastorello andaluso il quale, alla ricerca di un tesoro sognato, intraprende quel viaggio avventuroso, insieme reale e simbolico, che al di là dello Stretto di Gibilterra e attraverso tutto il deserto nordafricano lo porterà fino all’Egitto delle Piramidi. Il miraggio, qui, non è più solo la mitica Pietra Filosofale dell’Alchimia, ma il raggiungimento di una concordanza totale con il mondo, grazie alla comprensione di quei “segni”, di quei segreti che è possibile captare solo riscoprendo un Linguaggio Universale fatto di coraggio, di fiducia e di saggezza che da tempo gli uomini hanno dimenticato.


La Recensione

Si arriva alla fine del libro e ci si sente un po' poveri, o tonti, o una strana combinazione delle due cose. Perchè il primo pensiero che viene in mente è che non sei riuscito a capire quello che hai letto, a penetrare nelle profonde conoscenze che l’autore voleva trasmettere.

Poi ci rifletti bene, riprendi in mano il libro e ti metti a leggere alcuni passaggi importanti, diciamo quei punti significativi che probabilmente non hai appreso come dovevi fare e allora comincia la vera comprensione e cioè che hai letto una trama banale, scontata, pesante, piena di concetti cristiani, mussulmani, new age, alchemici (?), con frasi ad effetto che stanno bene scritte sui muri delle case per far capire quanto sei profondo alla ragazza che abita lì davanti; e sta qui la vera comprensione: come un uomo possa arricchirsi vendendo banalità confezionate per chi si accontenta di verità alla Baci di Perugina.

Tanto di cappello a chi riesce con queste genialate a vendere milioni di libri, perché no? C'è chi ancora va dai maghi a farsi le carte o legge gli oroscopi tutte le mattine. La spiritualità però, così come i "misteri iniziatici" o l'alchimia, sono ben altre cose e per questo se uno vuole esistono libri sacri delle varie religioni e credi o i libri dei grandi filosofi del passato, le cui riflessioni sono sopravvissute ai secoli e sono reperibili ovunque e probabilmente a prezzi inferiori di questo libretto da poche pagine che viene ancora venduto a prezzo pieno in versione rilegata; bella furbata editoriale.

Questo libro finge beffardamente una profondità che non esiste al suo interno mettendo parole come cuore, amore, sogni, anima: ma questo è sufficiente?; Se volete cimentarvi con qualcosa che probabilmente può farvi interrogare su gli aspetti della vita leggete i grandi capolavori della letteratura (Tolstoy, Hugo, Dostoievskj, ecc.), che potete trovare ovunque, sono sicuramente più complicati e di difficile lettura, ma scendono davvero alle profondità per cui arriviamo a interrogarci sui significati importanti della vita.

Fornire risposte banali a cui tutti siamo già arrivati mettendole per iscritto in un libro, probabilmente non risultano più semplici ovvietà, ma profonde rivelazioni.

"Segui la tua Leggenda Personale" o "ascolta il tuo cuore", insegui e porta a compimento i tuoi sogni, certo Coelho, perché non metterci anche un "quello che entra dalla bocca esce dal culo"?


Voto: 1/5


sabato 5 novembre 2011

Il peso della farfalla - Erri De Luca





I Contenuti


Il re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. E novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l'odore dell'uomo, dell'assassino di sua madre. Anche l'uomo, quell'uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell'uomo porta, impropriamente, il nome di "re dei camosci" - per quanti ne aveva uccisi. Ha una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non lasciava mai la bestia ferita, l'abbatteva con un solo colpo. Erri De Luca spia l'imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l'immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l'attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini. "In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove," dice De Luca. E qui si racconta, per l'appunto, di questi due animali che si fronteggiano da una distanza sempre meno sensibile, fino alla pietà di un abbraccio mortale.
 

La Recensione

Romanzo, che è più racconto. Lieve come un peso di farfalla. A volte determinante.
Primo libro di questo scrittore che affronto, ho visto in libreria che tutti i suoi romanzi sono piuttosto succinti o appunto lievi e considerate le vendite e l’apprezzamento di questo autore ho pensato che come in molti altri settori, non è il peso che determina la qualità; scorse velocemente le varie trame ho scelto questo suo scritto per iniziare a leggere le sue opere.
Quello che mi ha attirato è stata indubbiamente l’ambientazione, io amo la montagna in ogni sua veste e caratteristica e poi l’ubicazione nelle Dolomiti, le mie montagne del cuore, hanno dato la spinta definitiva all’acquisto.
Soldi spesi bene? Sì, di sicuro. La scrittura è notevole, arriva direttamente a quelle corde sensibili che stanno in ognuno di noi, non stancano, anche se in tutto il romanzo non esiste un dialogo; dunque più fiaba che storia? Forse, la definizione giusta è quella di parabola, scritta da un laico, dunque di ancor maggior pregio o curiosità.
Un giorno perfetto che delimita l’autunno con l’inverno, un inverno in montagna dove il silenzio può davvero chiamarsi in tal modo, quando la neve ricopre il tutto. Dunque il tempo della svolta, il tempo dei duelli, prima del lungo riposo.
Due Re contrapposti sotto l’occhio del "padrone di tutto, che si lasciava togliere, ma teneva il conto”: L’uomo, solitario che ha rifiutato ogni presente, e assassino per scelta di uomini e camosci; la bestia, Re dei Camosci, cresciuto solitario, rimasto solitario, ma richiamato al branco come la Natura comanda.
Cosa sarà determinante nello scontro? Ma certo, il peso di una farfalla.
Non voglio scrivere della trama per non rovinare la magia del racconto, che è struggente, ricco di simboli e di parabole sul significato della natura, della vita, della montagna.
Infine, anche se la scrittura e la struttura narrativa è semplice, si deve leggere questo libro attenzione, se non con concentrazione come è giusto che sia durante un arrampicata in montagna e l’esempio non è certo casuale: anche qui richiamo simbolico. E, arrivati in cima, si gode il panorama della conoscenza e il senso di conquista, che solo la lettura e la montagna possono dare.
Consigliatissimo.



Voto: 5/5

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare - Luis Sepúlveda





I Contenuti


Dopo essere capitata in una macchia di petrolio nelle acque del mar Nero, la gabbiana Kengah atterra in fin di vita sul balcone del gatto Zorba, al quale strappa tre promesse solenni: di non mangiare l’uovo che lei sta per deporre, di averne cura e di insegnare a volare al piccolo che nascerà. Così, alla morte di Kengah, Zorba cova l’uovo e, quando si schiude, accoglie la neonata gabbianella nella buffa e affiatata comunità felina del porto di Amburgo. Ma come può un gatto insegnare a volare? Per mantenere la terza promessa, Zorba dovrà ricorrere all’aiuto di tutti, anche a quello di un uomo. In una storia che ha la grazia di una fiaba e la forza di una parabola, il grande scrittore cileno tocca i temi a lui più cari: l’amore per la natura, la generosità disinteressata e la solidarietà, anche fra «diversi».

 

La Recensione

Una storia che si legge in un pomeriggio, magari piovoso come questo in cui sto scrivendo, con una predisposizione d'animo malinconico e pensieroso, dove si accoglie volentieri un abbraccio morbido come può esserlo quello di un gatto acciambellato sulle gambe.
Si vede l'attaccamento dell'autore suo gatto Zorba (morto prematuramente) e la dedica ai figli la dice lunga su quanto un uomo o una famiglia possa considerare un animale come parte di essa. Un tributo, un ricordo ad un gatto a cui si è voluto bene, emozioni che per un romanziere di professione è facile trasformare e trasmettere ad una pagina, fino a diventare storia e condividierle con il lettore.
Favola che intenerisce, fa sorridere e commuove nel finale, che insegna e punta il dito anche sull'ambiente che ci circonda e sui nostri errori che si ripercuotono sulla natura in cui tutti viviamo.
Bellissima la frase che sintetizza molto questa storia e cioè che "vola solo chi osa farlo", una parabola che spinge ad inseguire un sogno e a realizzarlo, perchè niente probabilmente è impossibile: anche un gatto può insegnare a volare ad una gabbianella.
Troppo candido ed ingenuo? Probabilmente sì, ma va letta come una fiaba dedicata ad un gatto e a dei bambini che lo amavano. Limitiamoci a questo
.



Voto: 3/5


martedì 1 novembre 2011

Gli inganni di Locke Lamora - Scott Lynch (The Gentleman Bastard #1)





I Contenuti


Piccolo di statura, deboluccio e un po' imbranato con la spada, Locke Lamora ha però un grande punto di forza: nessuno lo può battere quanto ad astuzia e abilità truffaldina. E benché sia vero che ruba ai ricchi nessun povero ha mai visto un soldo bucato dei suoi furti. Tutto ciò su cui mette le mani lo tiene per sé e per i Bastardi Galantuomini, la sua banda. A suo modo, Locke è il re di Camorr, una città che sembra nata dall'acqua, ornata di migliaia di ponti e di sontuosi palazzi barocchi e popolata da mercanti, soldati, accattoni e, ovviamente, ladri. In realtà, Camorr è il dominio di Capa Barsavi, perversa mente criminale, che da qualche tempo è impegnato in una lotta senza quartiere con il Re Grigio, altro personaggio decisamente poco raccomandabile. Impiccione per natura, Locke si ritrova suo malgrado in mezzo a questo scontro di titani e rischia di lasciarci le penne. Anche perché il suo misterioso passato nasconde un segreto che può mettere in pericolo l'intera nazione camorrana...
 

La Recensione

Un fantasy assolutamente fuori dal comune, una ventata d’aria fresca in un genere letterario che troppe volte sforna fotocopie a ripetizione.

Questo è il primo pensiero che viene in mente leggendo questo libro, che è prima di tutto originale, soprattutto la trama, molto ben congegnata e per i personaggi che sono insoliti per un fantasy, che si discosta molto dagli stereotipi comuni a questo genere.

Menzione particolare anche per i dialoghi: briosi, a volte scurrili e mai banali, ben descritte anche le parti dedicati ai combattimenti. Altro fatto che fa di questo libro un’eccezione nel genere per lo più dominato da buone azioni contro il cattivo di turno e una “violenza” volta al bene. Un fantasy, che sembra una grossa truffa dei giorni nostri, ma ambientata in un mondo inventato.

Anche l’ambientazione, sebbene il mondo dove si svolge la vicenda richiama in qualche modo un mondo di stampo medievale (dunque non proprio aria fresca), con gilde, nobili, dei, commercianti e la città principale Camorr suddivisa come una tipica città stato delle signorie di un tempo, vengono inseriti parecchi spunti affascinanti e insoliti: il vetrantico per esempio, enormi strutture lasciate dagli “avi” di un materiale che all’avvento della sera si illuminano, o alla conformazione della cittadina, che sembra una Venezia ingigantita, ma cupa, nebbiosa e tenebrosa; dove i mercati vengono svolti sull’acqua su enormi chiatte mobili e il tempo è caratterizzato di giorno dal Vento fresco che viene dal Mar di Ferro e la sera dal Vento del Boia, che porta afa e il tanfo dei campi e delle paludi, ma tutti e due smuovono i cadaveri appesi davanti al Palazzo della Pazienza o fanno muovere le gabbie del Corvo dove i prigionieri vengono appesi per espiare le proprie colpe.

Anche i personaggi sono ben caratterizzati e anche qui originali, soprattutto ovviamente Locke Lamora, orfano truffatore iniziato al culto del Tredicesimo Ingannatore: in questo caso le figure protagoniste sono i “cattivi”, anche se non lo sono fino in fondo e in ogni caso vengono contrapposte a figure ancora più cattive e alla fine il buonismo fantasy non manca, ma per lo meno non annoia mai e non sembra di leggere la solita fiaba a lieto fine.

Consigliato a chi ha voglia di sperimentare un genere un po’ diverso e respirare una boccata d’aria nuova.



Voto: 4/5